Automotive-news-auto-storica
AUTOMOTIVE NEWS
AUTOMOTIVE NEWS

Auto interesse storico: quando lo diventano

Un'auto storica che requisiti deve avere? Scopri le differenze tra auto storiche e auto d'epoca e le loro caratteristiche.

Chi ha la passione dei motori capisce bene quanta emozione susciti veder sfrecciare per strada un’auto storica: ci si sente catapultati in un mondo che non c’è più e si desidera tornare indietro nel tempo.

Ma che caratteristiche deve avere un’auto per essere considerata storica?

Auto storica: quali sono le caratteristiche?

Ci sono criteri specifici per aggiudicarsi il titolo di auto storica:

  • Devono essere passati almeno 30 anni dalla costruzione ed immatricolazione della vettura
  • Deve essere iscritta ad uno dei seguenti registri: il registro ASI (Automotoclub Storico Italiano), l’Italiano Alfa Romeo, il registro Italiano Fiat, lo storico FMI (Federazione Motocicistica Italiana) o il registro storico Lancia: verrà rilasciato il certificato di rilevanza storica
  • Deve rientrare nella lista delle auto storiche Aci, fra cui troviamo circa 340 modelli, e che viene aggiornata ogni anno

Queste possono rimanere iscritte al PRA (Pubblico Registro Automobilistico) e, se provviste di tutte le dotazioni imposte dalla legge, continuare a circolare liberamente.

Un vantaggio importante è l’esenzione dal bollo: l’unico obbligo sarà il pagamento della tassa di circolazione, che varia a seconda della regione.

L’assicurazione per un’auto storica non prevede classi di merito, il premio quindi è fisso, sarà però necessario aver superato i 23 anni di età per poter essere l’intestatario della pratica.

 

La differenza tra auto storica e auto d'epoca

Ci sono diversi tipi di auto di interesse storico.

È importante distinguere tra macchina storica e auto d’epoca in quanto sebbene spesso le cose vengano accomunate in realtà hanno caratteristiche e regolamentazioni differenti.

Le auto d’epoca devono essere cancellate dal Pubblico Registro Automobilistico in quanto la loro circolazione è limitata ad eventi, manifestazioni o raduni.

Il conducente deve ottenere per la sua vettura una apposita autorizzazione che viene rilasciata dal competente dipartimento dei trasporti terrestri.

Queste preziose vetture di interesse storico e collezionistico sono destinate ad essere conservate nei musei o protette in residenze private.

|Sponsorizzato

Vengono catalogate e inserite all’interno di una lista del Centro Storico della direzione generale della Motorizzazione Civile.

Le normative per le vetture storiche e le automobili d’epoca rientrano entrambe nell’articolo 60 del codice della strada.

Iscrizione ASI: cos’è e come funziona

 

L’Automotoclub Storico Italiano, insieme agli altri sopraelencati, è l’ente preposto a salvaguardare le autovetture storiche.

I documenti richiesti per l’iscrizione sono i seguenti:

  • I documenti del proprietario e il libretto di circolazione del veicolo
  • Il certificato che attesta la proprietà e le targhe originali
  • Modulo di iscrizione ASI, disponibile sia online che presso i relativi

Sarà inoltre necessario mostrare alla Commissione Tecnica Nazionale Auto dell’ente le foto della propria vettura storica in ogni sua parte, telaio compreso.

Se la vettura verrà ritenuta idonea a diventare auto storica verrà emessa una apposita carta d’identità, necessaria per l’identificazione, il certificato di rilevanza storica e la cosiddetta carta FIVA (Federation Internationale Des Vehicules Anciens).

La commissione valuterà anche lo stato di conservazione dell’auto.

Affinché si possa valutare il veicolo è necessario che sia in buone condizioni, è consigliabile quindi procedere ad un restauro prima di sottoporla al commissario dell’ASI.

Una prerogativa imprescindibile è anche l’autenticità del veicolo.

Verrà selezionato dalla commissione un meccanico preposto a controllare che non siano state apportate modifiche all’auto poiché questo comporterebbe una compromissione della sua originalità.

Automotive-news-auto-storica

Targa Oro ASI

Ogni auto storica ottiene il suo certificato di riconoscimento: una vera e propria carta d’identità, che attesta caratteristiche e stato del veicolo, tutto secondo il dettame del Codice Tecnico Internazionale FIVA.

All’interno di questo certificato troviamo anche il gruppo che certifica qual è lo stato di preservazione dell’auto:

  • Gruppo 1: ne fanno parte i veicoli autentici, è il gruppo più raro poiché rientrano le auto non deteriorate, perfettamente conservate e alla quale non è stata apportata alcuna modifica.
  • Gruppo 2: qui troviamo le auto storiche autentiche e non modificate ma non in ottime condizioni
  • Gruppo 3: rientrano i veicoli restaurati, che presentano delle modifiche apportate con pezzi originali
  • Gruppo 4: in questo gruppo troviamo invece veicoli ricostruiti con parti di più automobili che appartengono allo stesso modello, se non si dispone dei ricambi originali si possono utilizzare elementi che però presentino le stesse caratteristiche

L'auto storica più famosa d'Italia: la Lancia Flaminia Cabriolet Presidenziale

Nel 1960 il Presidente Giovanni Gronchi decise che per la visita della Regina Elisabetta II era necessaria una vettura che si distinguesse per lusso ed eleganza: fu così che l’azienda torinese Pininfarina realizzò il modello cabriolet della Lancia Flaminia presentata al salone di Ginevra pochi anni prima.

Ne vennero prodotti quattro esemplari che portano il nome dei purosangue delle scuderie del Quirinale: Belfiore, Belmonte, Belvedere e Belsito.

Si dice che in realtà ne vennero prodotte cinque poiché l’auto piacque a tal punto alla Regina Elisabetta che ne volle una per Buckingham Palace.

Viene definita 335 per via della sua lunghezza, la vettura riesce ad ospitare fino a sette persone e negli anni ha ospitato personaggi storici quali la Regina d’Inghilterra, John Fitzgerald Kennedy e Charles de Gaulle.

Questa lussuosa auto storica ha il privilegio di essere al fianco dei Capi di Sato da oltre sessant’anni.

Automotive-news-auto-storica
Condividi questo post
My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.