Automotive-news-cruise-control
AUTOMOTIVE NEWS
AUTOMOTIVE NEWS

Cruise control e cruise control adattivo: quali sono le differenze

Al giorno d’oggi le auto rispondono sempre di più alle nostre esigenze ed aspettative.

Il cruise control è un sistema che permette al guidatore di impostare una velocità e mantenerla per tutto il tragitto.

Spesso ci lamentiamo delle nostre automobili sostenendo che non sono più resistenti come quelle di una volta.

Diamo la colpa alle innovazioni tecnologiche: sono molto più sensibili e soggette a guasti rispetto alle classiche automobili di un tempo, affascinanti per la loro iconica semplicità ma prive di tutti i confort delle vetture moderne.

Non è solo una questione di comodità però: le tecnologie moderne consentono una maggiore sicurezza, una guidabilità più avanzata e molto altro ancora.

Come funziona il cruise control

L’optional in questione ha come caratteristica la presenza degli appositi pulsanti sul volante con la quale andremo a comunicare alla nostra vettura quale velocità desideriamo mantener.

Per disattivarla si potrà ricorrere ai pulsanti o al semplice tocco del freno, che farà ritornare l’auto in “modalità manuale”.

Questo sistema è particolarmente utilizzato da chi viaggia spesso per lavoro e deve quindi percorrere lunghi tragitti autostradali: in questi casi, a seconda del limite di velocità, il conducente non dovrà far altro che impostare la velocità e la vettura proseguirà il suo viaggio senza la necessità di toccare più l’acceleratore.

Come aggiungere quest'optional alla propria automobile

A seconda dei casi è possibile installare il sistema di cruise control sulla propria vettura che ne è sprovvista.

Sulle automobili più datate l’intervento potrebbe rivelarsi molto costoso e complesso sebbene non impossibile, per le vetture più recenti invece l’installazione sarà più semplice. I requisiti per poterlo installare sono: che l’auto abbia il cambio automatico, l’acceleratore elettrico o che il cruise control di serie sia già un’opzione fornita dalla casa.

La soluzione meno costosa è acquistare un kit universale adatto a quasi tutti i veicoli provvisti di acceleratore elettrico, è facilmente reperibile in commercio e dotato di un apposito set di cavi.

Il lavoro richiederà di riprogrammare la centralina e di effettuare diversi collegamenti, è quindi consigliabile rivolgersi ad una figura professionale esperta nel settore.

Lo sviluppo di sistemi innovativi di elettromobilità a ricarica veloce è alla base della recente diffusione di una reale mobilità sostenibile.

Il sistema di accumulo a ultracondensatore è di ultima generazione e garantisce elevata potenza e densità: studiato da E-CO Hev, società partecipata del Politecnico di Milano e dall’Ing. Paolo Bernardini, si avvale dell’energia della frenata che viene accumulata e sfruttata in accelerazione. Pertanto, non necessita di altre forme di alimentazione non ecologiche, come ausiliari diesel.

Inoltre, permette una percorrenza di circa 40 km con una sola ricarica, che si completa in pochi minuti direttamente sulla linea, senza necessità di dover sostare in deposito.

Automotive-news-cruise-control

Il sistema ACC

Oltre alla possibilità di impostare la velocità si aggiungono altre funzionalità studiate per una maggiore sicurezza.

Il cruise control adattivo infatti è dotato di una tecnologia che consente alla vettura di mantenere la velocità impostata ma al contempo di adattarla al traffico.

Il sistema ACC (adaptive cruise control) rileva la presenza di un veicolo che ci precede e adatta ad essa la velocità, mantenendo una distanza di sicurezza fino a che è presente, e riportando il veicolo alla velocità impostata non appena la strada sarà di nuovo libera.

Questo è possibile grazie alla presenza di un radar frontale. Quando si immetterà in carreggiata di fronte a noi un veicolo l’auto procederà a decelerare, se ci troveremo in centro città bloccati nel traffico la vettura frenerà adattandosi e mantenendo la distanza di sicurezza.

Se decideremo di inserire la freccia e scostarci per superare un veicolo che ci precede il sistema ci riporterà in alla velocità preimpostata per agevolare il sorpasso.

Il sistema ACC possiede inoltre la caratteristica del centramento di corsia.

L’evoluzione del cruise control fa in modo quindi che il veicolo mantenga una velocità prestabilita, con una distanza di sicurezza automatica dalle altre automobili e proseguendo correttamente sulla propria corsia.

|Sponsorizzato

È sicuro il cruise control adattivo?

Tutte le caratteristiche dell’innovativo sistema ACC ci fanno immediatamente sentire sicuri, protetti da una tecnologia studiata apposta per noi, per evitare incidenti e sorprese inaspettate.

In realtà uno studio dell’IIHS (Insurance Institute for Highway Safety) ha sottolineato che questo sistema spinge i guidatori ad abusarne per accelerare anziché utilizzarlo come sistema di sicurezza o per mantenere i limiti di velocità.

Se usato con intelligenza il cruise control adattivo ha delle eccellenti prerogative in termini di sicurezza. Il tempo di reazione di questa tecnologia è decisamente superiore rispetto ai tempi di reazione di un conducente, che inoltre può essere preso alla sprovvista per distrazione non notando che il veicolo che ci precede sta frenando.

Secondo i test svolti dall’IIHS 1 la maggior parte degli automobilisti non si fida del cruise control e decide di disattivarlo.

Durante questa analisi sono stati messi sotto osservazione 40 candidati che per un mese hanno guidato una Range Rover Evoque e una Volvo S90, vetture dotate di centramento di corsia e di sistema ACC.

Questo test ha mostrato: che i guidatori avevano circa il 25% di probabilità in più di superare i limiti di velocità poiché abusavano del sistema impostando una velocità troppo elevata.

Inoltre erano soliti a disattivare il sistema soprattutto durante le curve, per mancanza di fiducia, il centramento di corsia invece risulta particolarmente utile proprio per evitare di uscire dalla carreggiata rischiando incidenti.

I sistemi di cruise control sono studiati per aiutare a mantenerci più sicuri, soprattutto quando affrontiamo lunghi viaggi in autostrada e la stanchezza ci deconcentra facendoci rischiare la nostra e l’altrui incolumità, sarà necessario però utilizzarli con prudenza ed accortezza.

Condividi questo post