Automotive-news - auto del futuro
AUTOMOTIVE NEWS
AUTOMOTIVE NEWS

Auto del futuro, come saranno?

Spesso si immagina come saranno le auto del futuro. Ecco tutte le caratteristiche e gli optional che potrebbero avere.

Quante volte ci siamo chiesti come saranno le auto del futuro e abbiamo lasciato libera l’immaginazione?

Dal celebre film “Ritorno al futuro” si fantasticava su auto ultra tecnologiche in grado di volare, ma nel presente questo scenario sembra apparire ancora lontano.

Gli optional delle automobili di oggi non hanno deluso però le aspettative. Dai sistemi di sicurezza, alla guida autonoma e i sistemi di infotainment, si è riusciti a innovare in pochi anni il settore automotive.

Anche il passaggio dalla produzione di veicoli a motore termico a quelli elettrici è stato un segno di modernità orientata al futuro.

Nei prossimi anni quindi quali saranno i nuovi optional e i motori delle nostre automobili?

Ecco svelato quello che potrebbe ben presto diventare realtà.

Auto del futuro: come potrebbero essere

L’industria automobilistica è stata in grado di innovare e compiere una trasformazione incredibile nell’arco di un ventennio, più che nel resto della storia delle auto.

Questo ha portato allo sviluppo di auto sempre più prestanti, tecnologiche e sicure, ma anche rispettose dell’ambiente.

I progressi continueranno anche nel futuro e probabilmente cambieranno la concezione che oggi abbiamo dell’automobile e dei trasporti, anche se ci si chiede in che modo.

Ciò che è chiaro è che le auto del futuro non voleranno e poche avranno la guida autonoma. Sembra più evidente invece che la maggior parte delle macchine che guideremo tra 20 anni saranno ibride o elettriche.

I centri innovativi delle grandi Case automobilistiche stanno già lavorando per progettare le macchine del futuro che saranno sempre più efficienti, sostenibili, ma anche connesse.

In questo modo cambierà la percezione del veicolo come un simbolo di status e di possesso e diventerà uno strumento di condivisione e probabilmente anche di intrattenimento.

Auto sempre più green

Il settore dei trasporti è responsabile di circa il 30% delle emissioni di gas inquinanti a effetto serra.

Questi agenti chimici rappresentano un elemento dannoso non solo per l’ambiente, ma anche per la salute di ognuno.

Per questa ragione i programmi politici nazionali e comunitari sono sempre più orientati alla tutela dell’ambiente e a disciplinare la materia delle emissioni prodotte dai veicoli in circolazione.

La Commissione europea infatti si è già espressa a riguardo imponendo lo stop alla vendita di auto diesel e benzina a partire dal 2035.

L’iniziativa europea si prefissa di dimezzare le emissioni di anidride carbonica entro il 2030 e azzerarle completamente entro il 2050.

È presumibile quindi che nei prossimi 20 anni almeno la metà delle auto in circolazione potrebbe avere motore alimentato a energia.

Questo è dimostrato dal sempre più ampio sviluppo di modelli elettrici che stanno incrementando le gamme delle Case automobilistiche e dall’introduzione sul mercato di numerosi nuovi modelli sviluppati esclusivamente con motore elettrico.

Sono un esempio i veicoli Tesla, la nuova hypercar elettrica indiana Vazirani Ekonk, il SUV elettrico Aiways U5 e molti altri.

Automotive-news - auto del futuro

Auto sempre più connesse e sicure

La connessione riguarda un altro elemento di sviluppo che molto probabilmente investirà il settore automobilistico.

La connected car non è solo un progetto del futuro, ma già del presente, che potrà subire ulteriori innovazioni.

La connessione permetterà all’automobile di essere connessa internamente ai sistemi presenti, ma anche esternamente al sistema telematico e ai veicoli presenti nelle strade.

Questo aspetto contribuirebbe ad aumentare il livello di sicurezza stradale e forse quasi ad azzerare gli incidenti.

Infatti, le connected cars potrebbero essere in grado di informare il conducente dello stato di salute del veicolo, del proprio comportamento alla guida, ma anche dello stato delle strade, delle condizioni del traffico e della presenza di ostacoli e veicoli nelle vicinanze.

Diffusione della condivisione dell’auto

Il fenomeno della sharing economy ha rivoluzionato il concetto di automobile, che è passato da essere un bene di possesso a un servizio.

Si ritiene probabile che questo fenomeno sarà sempre più presente nel futuro, date le difficoltà della viabilità urbana e i maggiori costi di gestione e proprietà.

Già evidenti al giorno d’oggi, i problemi di viabilità continueranno a crescere, in quanto gli agglomerati urbani stanno crescendo rapidamente. Infatti, secondo alcune teorie nei prossimi 10 o 20 anni quasi il 70% della popolazione vivrà in aree urbane.

Questo contribuirà ad aumentare le vetture in circolazione nelle strade, ma soprattutto quelle nei parcheggi.

Si ritiene che per circa 22 ore al giorno l’automobile rimanga inutilizzata in un parcheggio. Per questa ragione la soluzione più diffusa che consente di ridurre i costi di proprietà e favorire una mobilità più agile è proprio quella del car sharing.

Condividi questo post
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email